Tesori di Roma: foto di Roma gratis

Chiesa di Santa Maria della Scala

Chiesa di Santa Maria della Scala
Chiesa di Santa Maria della Scala

Periodo Rinascimento
Alle radici del monte Gianicolo è questa chiesa con il convento, che è disegno di Matteo da città di Castello. La fece fabbricare il Card. Como l'anno 1592, alzatala fino alla cornice col disegno di Francesco da Volterra, compita da Ottaviano Mascherino con la facciata, e fu conceduta a' Padri Carmelitani Scalzi.
La Madonna di marmo sopra la porta della chiesa per di fuori è di Silvio Valloni.
Nel quadro della prima cappella a mano dritta è la decollazione di s. Gio: Battista,

espressa da' pennelli di Gherardo Fiammingo, detto Gherardo delle notti; e nella seconda è figurato il B. Gio: della Croce con Cristo, ed altre figure dal P. Luca Carmelitano.
La terza cappella ha il quadro con s. Giuseppe, che tiene il Bambino in braccio, dipinto dal P. Patrizio Fiammingo Carmelitano; e la pittura nell'altro altare della crociata, vicino alla sagrestia, con s. Teresa era di Giacomo Palma. Questa tavola poi fu levata, e fattavi una ricchissima cappella di pietre dure con disegno di Gio: Paolo Pannini, e la tavola è di Francesco Mancini. De' due bassirilievi laterali, quello che rappresenta s. Teresa in estasi è di Filippo Valle: quello dirimpetto è di Monsù Slodtz.
l'altar maggiore ha un bello, e ricco ciborio architettura del Cav. Rainaldi, costrutto magnificamente con colonne di diaspro, e metalli dorati, dove in mezzo si venera un'immagine del Salvatore. Maria Vergine dipinta ad affresco in mezzo del coro è del Cav. d' Arpino. Gli altri quadri grandi, che ivi sono, come anche quelli appesi d' ogni intorno, che fanno ornamento a tutta la chiesa, sono del suddetto P. Luca, dove ha rappresentato diversi fatti, ed istorie del Bambino Gesù, di Maria Vergine, e di s. Teresa, e l'effigie degli Apostoli, ed altri Santi.
Il transito di Maria Vergine con li Apostoli, figurato nella penultima cappella dell'altro lato della chiesa, è opera di Carlo Veneziano; l'architettura è di Girolamo Rainaldi. Dipinse quivi il medesimo mistero Michelangelo da Caravaggio, e perchè non iacque, fu levato, e passò nella galleria del Duca di Mantova. Ed il quadro dell'ultima cappella con Maria Vergine che dà l'abito a s. Elia, è del Cav. Roncalli. Il deposito di Muzio Santacroce è dell'Algardi.
Vi è di nuovo la cappella del Santissimo Crocifisso, fatta a spese di Cesare Baldi, tutta dipinta da Filippo Zucchetti da Rieti, ed il gruppo di marmo rappresentante s. Gio: della Croce rapito in estasi fu scolpito da Pietro Papaleo.

Stradario Romano - Blasi - 1923

Indice delle Chiese Rinascimentali